Notizie

13 Aprile 2021 ASSOCIAZIONE, Documenti, Italia News, News ed Eventi, Newsletter

ART: VACCINAZIONE ANTI COVID IN AZIENDA

Il 6 aprile 2021 è stato firmato dal Governo e dalle Parti Sociali l’accordo per le Vaccinazioni nei luoghi di lavoro. L’intesa prevede che i vaccini siano somministrati, a tutti i lavoratori, indipendentemente dal tipo di contratto, con il supporto dei medici aziendali e della rete Inail. L’adesione è volontaria: i costi di medici e infermieri saranno a carico dell’azienda, mentre vaccini e siringhe saranno a carico dello Stato. I centri vaccinali potranno essere allestiti nelle aziende o nelle sedi delle rappresentanze datoriali o della bilateralità.

L’accordo aggiorna anche il protocollo sicurezza del 14 marzo 2020, già rivisto il 24 aprile: in particolare viene stabilito che per il rientro al lavoro dopo l’infezione occorre un tampone molecolare o antigenico negativo, fatto anche in una struttura sanitaria accreditato o autorizzata dal servizio sanitario. Confermato il principio secondo cui la mancata attuazione del protocollo determina la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

L’intesa nazionale è stata preceduta dal Protocollo siglato da Confcommercio con la Regione Lombardia il 2 aprile. Attualmente è in fase di definizione presso la Direzione Generale Welfare della Regione il Disciplinare che definisce in maniera più esaustiva i contenuti dell’operazione. Il Disciplinare riporta chiarimenti rispetto ai “PRESUPPOSTI ALLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO” e alle “MODALITÀ  DI REALIZZAZIONE” tra cui: 

  1. L’obbligo delle aziende partecipanti alla fase sperimentale di essere associate alle Organizzazioni imprenditoriali firmatarie del Protocollo.
  2. La possibilità di adesione esclusivamente delle imprese soggette a sorveglianza sanitaria e che quindi hanno il proprio medico competente.
  3. La possibilità di includere tra i destinatari dei vaccini anche i lavoratori di aziende che operano presso l’azienda interessata (es. lavoratori che prestano stabilmente servizio per l’azienda utilizzatrice, manutentori, cooperative di servizio, …).
  4. La possibilità da parte delle Organizzazioni imprenditoriali di allestire punti vaccinali per le imprese che non dovessero avere i requisiti strutturali previsti dal Protocollo.
  5. moduli di raccolta adesione sia per le imprese (allegato A del disciplinare) e i moduli per organizzare presso le Associazioni i punti vaccinali (allegato B del disciplinare).

Non appena verrà approvata la versione definitiva del Disciplinare sarà avviata la raccolta delle adesioni da parte delle imprese associate ART ubicate in Lombardia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *